• Italian
  • English (UK)

Privacy policy

MODELLO INFORMATIVA PRIVACY DATI SITO WEB
aggiornata al Reg UE 2016/679
(Regolamento Europeo in materia di protezione dei dati personali)

1) Introduzione

Polimedia di Carlo Santoni prende in seria considerazione la privacy dell’utente e si impegna al rispetto della stessa. La presente privacy policy (“Privacy Policy”) descrive le attività di trattamento di dati personali realizzate dal Polimedia di Carlo Santoni tramite il sito  www.polimedia.net e i relativi impegni assunti in tal senso dalla Società Polimedia di Carlo Santoni può trattare i dati personali dell’utente quando questi visita il Sito e utilizza i servizi e le funzionalità presenti sul Sito. Nelle sezioni del Sito in cui sono raccolti i dati personali dell’utente è normalmente pubblicata una specifica informativa ai sensi dell’art. 13 /15 del Reg. UE 2016/679.
Ove previsto dal Reg. UE 2016/679 sarà richiesto il consenso dell’utente prima di procedere al trattamento dei suoi dati personali. Se l’utente fornisce dati personali di terzi, deve provvedere affinché la comunicazione dei dati a Polimedia di Carlo Santoni e il successivo trattamento per le finalità specificate nell’informativa privacy applicabile sia conforme al Reg. UE 2016/679 e alla normativa applicabile.

2) Estremi identificativi del titolare, responsabile e del Privacy Officer
Carlo Santoni, Via Landucci 39, Firenze. Tel. 055678828. Email This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

3) Tipologia di dati trattati

La visita e la consultazione del Sito non comportano in genere raccolta e trattamento dei dati personali dell’utente salvo che per i dati di navigazione e i cookie come di seguito specificato. In aggiunta ai cosiddetti “dati di navigazione” (vedasi oltre), potranno essere oggetto di trattamento dati personali volontariamente forniti dall’utente quando questi interagisce con le funzionalità del Sito o chiede di fruire dei servizi offerti sul Sito. Nel rispetto del Codice Privacy, Polimedia di Carlo Santoni potrebbe altresì raccogliere i dati personali dell’utente presso terzi nello svolgimento della propria attività.

4) Conservazione dei dati personali

I dati personali sono conservati e trattati attraverso sistemi informatici di proprietà del Polimedia di Carlo Santoni e gestiti dal Polimedia di Carlo Santoni o da terzi fornitori di servizi tecnici; per maggiori dettagli si prega di fare riferimento alla sezione “Ambito di accessibilità dei dati personali” che segue. I dati sono trattati esclusivamente da personale specificamente autorizzato, incluso il personale incaricato di svolgere operazioni di manutenzione straordinaria.

5) Finalità e metodi trattamenti dati

Polimedia di Carlo Santoni può trattare i dati personali comuni e sensibili dell’utente per le seguenti finalità: utilizzo da parte degli utenti di servizi e funzionalità presenti sul Sito, gestione di richieste e segnalazioni da parte dei propri utenti, invio di newsletter, gestione delle candidature pervenute attraverso il Sito, etc.
Inoltre, con l’ulteriore e specifico consenso facoltativo dell’utente, Polimedia di Carlo Santoni potrà trattare i dati personali per finalità di marketing, cioè per inviare all’utente materiale promozionale e/o comunicazioni commerciali attinenti ai servizi della Società, presso i recapiti indicati, sia attraverso modalità e/o mezzi di contatto tradizionali (quali, posta cartacea, telefonate con operatore, etc.) che automatizzati (quali, comunicazioni via internet, fax, e-mail, sms, applicazioni per dispositivi mobili quali smartphone e tablet -cd. APPS-, account di social network -ad es. via Facebook o Twitter-, telefonate con operatore automatico, etc.).
I dati personali sono trattati sia in forma cartacea che elettronica ed immessi nel sistema informativo aziendale nel pieno rispetto del Reg UE 2016/679, compresi i profili di sicurezza e confidenzialità ed ispirandosi ai principi di correttezza e liceità di trattamento. In conformità al Reg UE 2016/679i dati sono custoditi e conservati per 12 mesi.

6) Sicurezza e qualità dei dati personali

Polimedia di Carlo Santoni si impegna a proteggere la sicurezza dei dati personali dell’utente e rispetta le disposizioni in materia di sicurezza previste dalla normativa applicabile al fine di evitare perdite di dati, usi illegittimi o illeciti dei dati e accessi non autorizzati agli stessi, con particolare riferimento al Disciplinare Tecnico in materia di misure minime di sicurezza. Inoltre, i sistemi informativi e i programmi informatici utilizzati da Polimedia di Carlo Santoni sono configurati in modo da ridurre al minimo l’uso di dati personali e identificativi; tali dati sono trattati solo per il conseguimento delle specifiche finalità di volta in volta perseguite. Polimedia di Carlo Santoni utilizza molteplici tecnologie avanzate di sicurezza e procedure atte a favorire la protezione dei dati personali degli utenti; ad esempio, i dati personali sono conservati su server sicuri ubicati in luoghi ad accesso protetto e controllato. L’utente può aiutare Polimedia di Carlo Santoni ad aggiornare e mantenere corretti i propri dati personali comunicando qualsiasi modifica relativa al proprio indirizzo, alla propria qualifica, alle informazioni di contatto, etc.

7) Ambito di comunicazione e di accesso dei dati
I dati personali dell’utente potranno essere comunicati a:

  • tutti i soggetti cui la facoltà di accesso a tali dati è riconosciuta in forza di provvedimenti normativi;
  • ai nostri collaboratori, dipendenti, nell'ambito delle relative mansioni;
  • a tutte quelle persone fisiche e/o giuridiche, pubbliche e/o private quando la comunicazione risulti necessaria o funzionale allo svolgimento della nostra attività e nei modi e per le finalità sopra illustrate;

8) Natura di conferimento dei dati personali

Il conferimento di alcuni dati personali da parte dell’utente è obbligatorio per consentire alla Società di gestire le comunicazioni, le richieste pervenute dall’utente o per ricontattare l’utente stesso per dar seguito alla sua richiesta. Questo tipo di dati sono contrassegnati dal simbolo asterisco [*] ed in tal caso il conferimento è obbligatorio per consentire alla Società di dar seguito alla richiesta che, in difetto, non potrà essere evasa. Al contrario, la raccolta degli altri dati non contrassegnati dall’asterisco è facoltativa: il mancato conferimento non comporterà alcuna conseguenza per l’utente.

Il conferimento dei dati personali da parte dell’utente per finalità di marketing, come specificato nella sezione “Finalità e modalità del trattamento” è facoltativo e il rifiuto di conferirli non avrà alcuna conseguenza. Il consenso conferito per finalità di marketing si intende esteso all’invio di comunicazioni effettuato attraverso modalità e/o mezzi di contatto sia automatizzati che tradizionali, come sopra esemplificati.

9) Diritti dell’interessato

9.1 Art. 15 (diritto di accesso) , 16  (diritto di rettifica) del Reg. UE 2016/679

L'interessato ha il diritto di ottenere dal titolare del trattamento la conferma che sia o meno in corso un trattamento di dati personali che lo riguardano e in tal caso, di ottenere l'accesso ai dati personali e alle seguenti informazioni:

  1. a) le finalità del trattamento;
  2. b) le categorie di dati personali in questione;
  3. c) i destinatari o le categorie di destinatari a cui i dati personali sono stati o saranno comunicati, in particolare se destinatari di paesi terzi o organizzazioni internazionali;
  4. d) il periodo di conservazione dei dati personali previsto oppure, se non è possibile, i criteri utilizzati per determinare tale periodo;
  5. e) l'esistenza del diritto dell'interessato di chiedere al titolare del trattamento la rettifica o la cancellazione dei dati personali o la limitazione del trattamento dei dati personali che lo riguardano o di opporsi al loro trattamento;
  6. f) il diritto di proporre reclamo a un'autorità di controllo;
  7. h) l'esistenza di un processo decisionale automatizzato, compresa la profilazione e, almeno in tali casi, informazioni significative sulla logica utilizzata, nonché l'importanza e le conseguenze previste di tale trattamento per l'interessato.

9.2 Diritto di cui all’art. 17 del Reg. UE 2016/679 - diritto alla cancellazione («diritto all'oblio»)

L'interessato ha il diritto di ottenere dal titolare del trattamento la cancellazione dei dati personali che lo riguardano senza ingiustificato ritardo e il titolare del trattamento ha l'obbligo di cancellare senza ingiustificato ritardo i dati personali, se sussiste uno dei motivi seguenti:
a) i dati personali non sono più necessari rispetto alle finalità per le quali sono stati raccolti o altrimenti trattati;

  1. b) l'interessato revoca il consenso su cui si basa il trattamento conformemente all'articolo 6, paragrafo 1, lettera a), o all'articolo 9, paragrafo 2, lettera a), e se non sussiste altro fondamento giuridico per il trattamento;
  2. c) l'interessato si oppone al trattamento ai sensi dell'articolo 21, paragrafo 1, e non sussiste alcun motivo legittimo prevalente per procedere al trattamento, oppure si oppone al trattamento ai sensi dell'articolo 21, paragrafo 2;
  3. d) i dati personali sono stati trattati illecitamente;
  4. e) i dati personali devono essere cancellati per adempiere un obbligo legale previsto dal diritto dell'Unione o dello Stato membro cui è soggetto il titolare del trattamento;
  5. f) i dati personali sono stati raccolti relativamente all'offerta di servizi della società dell'informazione di cui all'articolo 8, paragrafo 1 del Reg. UE 2016/679

9.3 Diritto di cui all’ art. 18 Diritto di limitazione di trattamento

L'interessato ha il diritto di ottenere dal titolare del trattamento la limitazione del trattamento quando ricorre una delle seguenti ipotesi:

  1. a) l'interessato contesta l'esattezza dei dati personali, per il periodo necessario al titolare del trattamento per verificare l'esattezza di tali dati personali;
  2. b) il trattamento è illecito e l'interessato si oppone alla cancellazione dei dati personali e chiede invece che ne sia limitato l'utilizzo;
  3. c) benché il titolare del trattamento non ne abbia più bisogno ai fini del trattamento, i dati personali sono necessari all'interessato per l'accertamento, l'esercizio o la difesa di un diritto in sede giudiziaria;
  4. d) l'interessato si è opposto al trattamento ai sensi dell'articolo 21, paragrafo 1, Reg UE 2016/679 in attesa della verifica in merito all'eventuale prevalenza dei motivi legittimi del titolare del trattamento rispetto a quelli dell'interessato.

9.4 Diritto di cui all’art.20 Diritto alla portabilità dei dati

L'interessato ha il diritto di ricevere in un formato strutturato, di uso comune e leggibile da dispositivo automatico i dati personali che lo riguardano forniti a un titolare del trattamento e ha il diritto di trasmettere tali dati a un altro titolare del trattamento senza impedimenti da parte del titolare del trattamento

10) Revoca del consenso al trattamento

L’interessato ha facoltà di revocare il consenso al trattamento dei Suoi dati personali, inviando una raccomandata A/R al seguente indirizzo: Via Landucci 39, 50136 Firenze, corredato da fotocopia del suo documento di identità, con il seguente testo: <<revoca del consenso al trattamento di tutti i miei dati personali>>. Al termine di questa operazione i Suoi dati personali saranno rimossi dagli archivi nel più breve tempo possibile.

Se desidera avere maggiori informazioni sul trattamento dei Suoi dati personali, ovvero esercitare i diritti di cui al precedente punto 7, può inviare una raccomandata A/R al seguente indirizzo: Via Landucci 39, 50136 Firenze. Prima di poterLe fornire, o modificare qualsiasi informazione, potrebbe essere necessario verificare la Sua identità e rispondere ad alcune domande. Una risposta sarà fornita al più presto.

Book your tour in Florence

Immerse yourself in this special tour on the trail of Bob Langdon and Sienna Miller in Florence.

We offer you the chance to view Florence from a different perspective, all you have to do is book the tour.

 

The program

The tour includes: an expert English speaking guide, entrances, lunch and coffee break
The tour is organized by the Florentine tour operator Vinarium.

visitinferno

 

Botticelli - Mappa dell'Inferno

Sandro Botticelli, was born March 1, 1445 in Florence and died there on May 17, 1510.
He began his apprenticeship in the workshop of Filippo Lippi and together, they painted in the Cathedral of Prato.

During the time spent at the Lippi’s workshop Botticelli painted many Madonnas with the style of his master. On the death of Lippi in 1469, he opened his workshop and began his personal production of paintings influenced by Pollaiuolo and Verrocchio. In 1472 he joined the Compagnia di San Luca, the brotherhood of artists in Florence. In 1475 he began working for the Medici family, who commissioned many works to beautify their homes.

In 1478 the series of allegories and myths began: "The Spring" of 1478, "Pallas taming the Centaur" of 1482, "Venus and Mars" in 1483 and "Birth of Venus" in 1484.
In this same period, 1481-82, he was called to Rome to work on the frescoes of the Sistine Chapel. These are the only works that he realized far from Florence.
In the following years he continued painting remaining loyal to his style based on refined elegance and charming ethereal figures, the choice of the subjects instead underwent a change, returning to prevail religious subjects on mythological themes. This change coincided with the death of Lorenzo de 'Medici (1492).

From 1490 to 1497 he painted the illustration of the Divine Comedy (preserved partly in the Prints and Drawings of Staatlische Museen in Berlin and partly in the Vatican Library).

 Sandro Botticelli - Mappa dell'Inferno Sandro Botticelli - La Primavera

Battaglia di Marciano della Chiana

Giorgio Vasari painted the great east wall of Salone dei 500, illustrating the Florentine victory of the Battle of Marciano, a very bloody battle, where finally Siena fell and Florence became the absolute power in the hands of the Medici family.
On a banner at the top you can read "Cerca Trova" [Search Find]. It seems that Vasari wrote it giving a clue to look for the painting of the Battle of Anghiari by Leonardo da Vinci, which was supposed to be on the same wall, beneath his.

History of the Battle of Marciano della Chiana

The Florentines, governed by the de'Medici family in 1554, sent the army in the area of Arezzo that had rebelled, stirring up fears in Siena. Siena, which until then had been able to maintain its independence, now feared to be destroyed. Therefore Siena organized a counterattack and, occupied Lucignano and Chiusi, its troops commanded by Piero Strozzi pointed at Marciano, encircling it.

But the Florentines had provided the fortress with a garrison of a thousand troops. The commander of the fortress, Lattanzio Pichi, afraid of being defeated, surrendered to Strozzi. Shortly after, Foiano also fell. The Marquis of Marignano, faithful to the Medici, encamped at the siege of Monte San Savino, went to Marciano to attack Strozzi. On August 1, 1554 the two sides in fighting trim and both with dozens of thousands of men came to fight. The Siena troops were overwhelmed and partly destroyed. This great battle of the 16th century became known as the Battle of Marciano, because of the fortress.

In memory of the great battle that definitely defeated Siena, Cosimo I ordered Bartolomeo Ammannati to build a temple in the place of the victory, and a marble column was erected in Florence, in Piazza S. Felice. Fidelity to Florence was rewarded by giving the permission to insert the same lily of Florence in the municipal coat of arms. Marciano remained under the domain of Florence until 1860.

Battaglia di Marciano

Giorgio Vasari

Giorgio Vasari, painter and architect, belonging to that eclectic season that marks the transition to Mannerism, was born July 30, 1511 in Arezzo and died in Florence in 1574. More than for his artistic production, Giorgio Vasari is primarily remembered for his work as a historian and art critic for the "Lives of the Most Excellent Painters, sculptors, and architects" of which a first edition dates back to 1550 and a more expanded edition to 1568.
Although very young, he became apprentice of G. de Pierre de Marcillat, a very skillful painter in making stained glass. After that experience, he moved to Florence to continue his studies. In 1529 he visited Rome, where he studied the works of Raffaello and other artists of the Roman Renaissance; the  study and the inspiration to the art of Michelangelo and Raffaello  are evident in his paintings.
His best paintings are in Palazzo Vecchio in Florence, where Cosimo I de 'Medici appointed him Minister of Cultural Heritage and ordered him, as an architect, to magnify the power of the Medici. He designed the Uffizi, the Corridoio Vasariano, and especially transformed the interior of Palazzo Vecchio in a magnificent residence, starting from the creation of Salone dei Cinquecento with the ceiling fresco of the Triumph of the Prince, and the frescoes on the walls to celebrate the victories of Cosimo over Tuscan cities. Then in 1570 by request of Francis, son of Cosimo I, designed a private space in Palazzo Vecchio for the arts and alchemy.
Here the genius of Vasari gave birth to a small space but of huge artistic impact. This room is on the first floor of Palazzo Vecchio, and it is shaped like a treasure chest. Painted by the best painters of the time, the paintings hide secret drawers and doors used to contain the material for the experiments.
Having amassed a considerable fortune, both as a painter as an architect, Giorgio Vasari returned to Arezzo in 1547 where he built a beautiful home. The artist decorated the walls and vaults with paintings. Today, this house has been turned into a museum.

Dante death mask

""The Dante death mask is around the corner," Marta told Sienna. "It's displayed in a narrow space called l'andito, which is essentially just a walkway between two larger rooms."

Sala dei Gigli
The windows of Palazzo Vecchio

Amid a contour of spires and domes, a single regal facade dominated Langdon’s field of view. The building was an imposing stone fortress with a notched parapet and a three-hundred-foot tower that swelled near the top, bulging outward into a massive machicolated battlement.

Hall of the Five Hundred

AT ONE TIME, the Hall of the Five Hundred was the largest room in the world. It had been built in 1494 to provide a meeting hall for the entire Consiglio Maggiore—the republic’s Grand Council of precisely five hundred members—from which the hall drew its name.

The imposing view of Palazzo Vecchio

The building’s unusual single spire, rising off center from within the square fortress, cuts a distinctive profile against the skyline and has become an inimitable symbol of Florence.

A view of Palazzo Vecchio and Loggia dei Lanzi

THE PALAZZO VECCHIO resembles a giant chess piece.

A view of Palazzo Vecchio

The building’s unusual single spire, rising off center from within the square fortress, cuts a distinctive profile against the skyline and has become an inimitable symbol of Florence.

A view of Palazzo Vecchio

The evening was unusually warm, adding to the dreamlike quality of his walk along the Via dei Calzaiuoli toward the lone spire of the Palazzo Vecchio.

A view of Palazzo Vecchio

THE PALAZZO VECCHIO resembles a giant chess piece. With its robust quadrangular facade and rusticated square-cut battlements, the massive rooklike building is aptly situated, guarding the southeast corner of the Piazza della Signoria.

A view of Palazzo Vecchio

“No!” Langdon pointed out the window at the commanding edifice in the distance. “I recognize the Palazzo Vecchio.”

Dante death mask Dante death mask
"Putto con delfino" fountain by Verrocchio
Sala dei Gigli Sala dei Gigli
The windows of Palazzo Vecchio The windows of Palazzo Vecchio
Hall of the Five Hundred Hall of the Five Hundred
The imposing view of Palazzo Vecchio The imposing view of Palazzo Vecchio
A view of Palazzo Vecchio and Loggia dei Lanzi A view of Palazzo Vecchio and Loggia dei Lanzi
A view of Palazzo Vecchio A view of Palazzo Vecchio
A view of Palazzo Vecchio A view of Palazzo Vecchio
A view of Palazzo Vecchio A view of Palazzo Vecchio
A view of Palazzo Vecchio A view of Palazzo Vecchio